Share to Twitter Share to Linkedin Share to Myspace Share to Delicious Share to Google 
Aiuto
Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.
VENDERE UN PRODOTTO, PROMUOVERE UN'IDEA IN TEMPO DI CRISIDIARIOTERAPIA E ADOLESCENZA


ASCOLTARE PER COMUNICARE, COMUNICARE PER CONOSCERE
Visualizza Ingrandimento


ASCOLTARE PER COMUNICARE, COMUNICARE PER CONOSCERE


Prezzo: €12.90

Chiedi un'informazione riguardo questo prodotto




Ascoltare per Comunicare, Comunicare per Conoscere

La relazione "faccia a faccia" come strumento di lavoro dell'operatore sociale
di Alfonso Falanga
Ebook Edizioni Circolo Virtuoso
Data pubblicazione: 10 Dicembre 2011
ISBN: 978-88-97521-08-2
Pagine: 177

CLICCARE QUI PER SCARICARE LA VERSIONE DEMO DELL'EBOOK


Abstract

L'Operatore Sociale ha bisogno, per concretizzare i suoi interventi, del contatto con le persone a cui si rivolge. Non è solo un approccio materiale, bensì umano, morale, cognitivo, affettivo, esperienziale e lo strumento di lavoro, quello che anticipa ogni altro mezzo, è la comunicazione. Attraverso comunicazione ed ascolto, la compassione verso chi ha bisogno si traduce in empatia e, sempre mediante la comunicazione e l’ascolto, quest’affettività si trasforma in aiuto concreto.


Introduzione all'opera

Le crisi finanziarie, economiche e politiche che hanno attraversato l’intero pianeta negli ultimi decenni, e tutt’ora lo attraversano, dimostrano che l’evoluzione del sapere tecnologico ha realizzato, invece che un equilibrio tra opportunità e risorse, un’instabilità sociale determinata dall’impossibilità di accedere ai vantaggi del progresso da parte di alcune categorie di individui se non  di interi popoli.

A dispetto del mondo patinato, offerto dagli ottimisti di professione e dai venditori di certezze,  ampi strati sociali mantengono una condizione di vita economica e morale di estremo degrado: vecchi e nuovi poveri, extra comunitari, anziani soli, giovani e ancor meno giovani a rischio, ragazze madri, tossicodipendenti, ex tossicodipendenti, detenuti, ex detenuti, famiglie numerose monoreddito (nel migliore dei casi), altri individui che non vivono una povertà materiale bensì morale. La società contemporanea ha, inoltre, prodotto una nuova forma di bisogno legata non all’assenza di risorse ma al suo contrario.

Si tratta, paradossalmente, dell’indigenza vissuta da chi dispone di un surplus di possibilità intellettive e conoscitive e non riesce ad allinearsi all’atteggiamento, distinto da una latente mediocrità, che guida la collettività nella ricerca del suo equilibrio.
Questa consapevole inefficienza è la condizione necessaria alla stabilità sociale che, come ogni altro genere di armonia, non si fonda sulle eccellenze bensì sulle capacità, dei singoli così come dei gruppi, di produrre la riposta più facile (meno dispendiosa, rapida, facilmente accessibile) agli stimoli ambientali.

La moderna società occidentale, tuttavia, mentre ambisce alla mediocrità per sostenersi, esprime anche una voglia di perfezione che la conduce a respingere da sé stessa coloro che ne sono la negazione. Il nostro è il tempo in cui ogni comportamento fuori dal previsto e prevedibile viene spesso segnato, sulla base di superficiali considerazioni di natura pseudo-psicologica, come manifestazione di gravi patologie comportamentali. Non pochi bambini, ragazzi ed adulti si trovano così per tutta la vita certificati con diagnosi psichiatriche la cui terminologia è, oggi, pericolosamente parte del linguaggio comune.

La parola, insomma, non ha più la funzione di descrivere un comportamento bensì lo crea. Questi tipi umani, uniti nella loro eterogeneità dall’esperienza comune dell’esclusione dai modelli collettivi, rappresentano oggi l’utenza dell’Operatore sociale, vale a dire di quella figura professionale a volte interna alle Istituzioni, altre volte esterna ad esse: ci riferiamo ad Insegnanti, Assistenti sociali, Operatori socio – sanitari (sostegno ad anziani, a portatori di handicap, a bambini ed adulti con problemi comportamentali), Operatori dell’ascolto Caritas ed a tutti coloro che mettono in essere, nei confronti degli espulsi, interventi materiali e morali.
Qualsiasi siano natura e contenuti di questi interventi, l’Operatore ha bisogno in via preliminare, per concretizzarli, del contatto con le persone a cui si rivolge. Non è solo un approccio materiale bensì umano, morale, cognitivo, affettivo, esperienziale. Stando così le cose lo strumento di lavoro dell’operatore, quello che anticipa ogni altro mezzo, è la comunicazione.

La diffusa conflittualità relazionale, sia nel privato che nel sociale, mostra che parlare non è necessariamente dire, che sentire non è un automatico ascoltare e capire, che guardare non basta a conoscere.
Le relazioni, qualsiasi sia l’ambito in cui si sviluppano, sono complesse perché è complessa la mente umana. Complessità non è intreccio insolubile di sensi e contro-sensi bensì è esito di variabili (emotive, cognitive, comportamentali) che, a volte, agiscono al di fuori della consapevolezza e conducono la comunicazione su binari imprevedibili. Questo è il campo d’azione umano dell’operatore. Data la conflittualità che pervade quest’area di intervento la buona volontà deve essere supportata dalla conoscenza dei fondamenti della comunicazione interpersonale ed il distacco dai meccanismi del linguaggio quotidiano, Solo così diventa possibile, per l’Operatore, giungere ad un modello di comunicazione fondato sull’ascolto.
Attraverso comunicazione ed ascolto la compassione verso i bisognosi si traduce in empatia e sempre mediante la comunicazione e l’ascolto quest’affettività si trasforma in aiuto concreto.
Ascoltare non è, dunque, l’esito di una tecnica ma di un cambio di prospettiva riguardo l’altro il che  implica, come premessa, la capacità ed il coraggio di dotarsi di un nuovo modo di vedere  sé stessi. E’ da questa innovazione, e solo da essa, che ha origine il linguaggio dell’ascolto. Il paradigma teorico a cui il testo fa riferimento è l’Analisi Transazionale.


Indice degli argomenti

Prefazione
Nota dell’ Autore
Introduzione
Capitolo I
Cenni di Analisi Transazionale
Capitolo II
La Relazione di aiuto

2.1 La coesistenza del problema e il disagio
2.2 La parzialità dell’esperienza riferita
2.3 Le svalutazioni
2.4 Perché è importante, per l’ Operatore, tenere conto della parzialità
dell’esperienza riferita
Capitolo III
La relazione simbiotica

3.1 Il punto di vista analitico - transazionale
Capitolo IV
Il significato di Comunicazione

4.1 Comunicazione come scambio
4.2 Due tipi di linguaggi
4.3 Cosa le persone si scambiano quando comunicano
4.4 I livelli della Comunicazione
Capitolo V
La Comunicazione non è solo parola

5.1 Linguaggio non verbale e sistema di riferimento
5.2 Origini socio-culturali e familiari del non verbale
5.3 Il rischio del fare “diagnosi”
5.4 Segni di difesa, chiusura e fuga
Capitolo VI
La Comunicazione inconsapevole

Capitolo VII
L’inevitabilità della comunicazione
Capitolo VIII

Gli obiettivi della comunicazione
Capitolo IX
La comunicazione bloccata

9.1 Il punto di vista analitico – transazionale
Capitolo X
Emozioni e Comunicazione

10.1 Paura
10.2 Rabbia
10.3 Tristezza
10.4 Emozioni parassite
10.5 Emozioni e linguaggio non verbale
10.6 Emozioni e comunicazione: il dire e il fare la cosa giusta........pag. 88
Capitolo XI
Convinzioni
Capitolo XII
Empatia, Simpatia, Alleanza e fiducia
Capitolo XIII
L’Utente manipolativo
Capitolo XIV Il Triangolo drammatico

Capitolo XV I significati della parola
15.1 Segno e significato
15.2 Simbolo
Capitolo XVI
Le strutture del linguaggio

16.1 Il rapporto tra le due strutture
16.2 Il punto di vista analitico – transazionale
Capitolo XVII
Ascoltare: l’arte del giusto domandare

17.1 Quando e perché la domanda è giusta
17.2 Il punto di vista analitico – transazionale
17.3 Domande aperte e domande chiuse
Capitolo XVIII
Ridefinizioni
Capitolo XIX
Il Tempo e l’Ascolto
Capitolo XX
Consapevolezza, Coscienza, Volontarietà
Capitolo XXI
L’ Ascolto nella società post - moderna

Conclusioni
Bibliografia


Note biografiche sull'autore


Alfonso Falanga. Consulente della Comunicazione specializzato in Analisi Transazionale.
Professional  Counselor  certificato AssoCounseling – Associazione Professionale di categoria.
Formatore iscritto all’AIF – Associazione Italiana Formatori.
Direttore di ComunicAscolto, società di Counseling e Formazione per Organizzazioni e Privati.
Formatore per Aziende- settori promozione e vendita; Società di Call Center;  Istituti Didattici; Associazioni attive nel sociale e nel volontariato.
Counselor per professionisti, insegnanti e privati.
Autore di testi ed articoli sulla Comunicazione e l’Analisi Transazionale. Ultime pubblicazioni : “Vendere un prodotto, promuovere un’idea (in tempo di crisi) ” e “Ascoltare per comunicare, comunicare per conoscere” – formato e-book per Circolo Virtuoso Editore.



Commenta su Facebook

Scrivi una recensione sul prodotto

Recensioni Clienti:

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
Autenticati per poter scrivere una recensione.

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 20 luglio 2017 14:24





Carrello Vuoto
Il carrello è vuoto.

Appuntamento

Seguici sui Social

Skype

Notizie

Catalogo

Scopri tutti i titoli pubblicati da Edizioni Circolo Virtuoso!In questa sezione potrai sfogliare il catalogo di Libri e E-book di Edizioni Circolo Virtuoso e scaricarlo in formato pdf ...

>> LEGGI TUTTO
PUBBLICA CON NOI

Pubblica con le Edizioni Circolo Virtuoso! Hai scritto un libro (narrativa, poesia, saggistica, ecc.) e vuoi pubblicarlo? Hai una grande competenza in qualcosa e vuoi trasformarla in testo scritto? ...

>> LEGGI TUTTO