Share to Twitter Share to Linkedin Share to Myspace Share to Delicious Share to Google 
Aiuto
Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.
MANUALE DI ARTI TERAPIE - 2° EdizioneGIOCHI RITMICI PER LA RIABILITAZIONE SENSORIALE DELL'HANDICAP


70 GIOCHI DI CREATIVITA' PER LA CONDUZIONE DEI GRUPPI
Visualizza Ingrandimento


70 GIOCHI DI CREATIVITA' PER LA CONDUZIONE DEI GRUPPI


Prezzo: €16.90

Chiedi un'informazione riguardo questo prodotto




70 giochi di creatività per la conduzione dei gruppi basati su tecniche di espressione corporea e arti terapie per la conduzione dei gruppi in ambito pedagogico, clinico e formativo

di  Fausto Cino, Stefano Centonze
Ebook Edizioni Circolo Virtuoso
Data pubblicazione: 25 Luglio 2011
ISBN: 978-88-97521-04-4
Pagine: 114

CLICCARE QUI PER SCARICARE LA VERSIONE DEMO DELL'EBOOK


Abstract

Lo sviluppo delle tematiche coinvolte nelle Arti Terapie ha contribuito ad individuare le linee guida dei processi pedagogici, formativi, rieducativi e riabilitativi, propri delle stesse, laddove lo studio viene affiancato all’individuazione dei percorsi caratterizzanti l’azione volta al “cambiamento” della persona. In questo senso, il presente manuale, frutto delle attività di laboratorio creativo degli autori, vuole offrire agli operatori alcuni strumenti già utilizzati con successo nel corso di esperienze validamente condotte negli anni passati nel campo, per l’appunto, delle Arti Terapie, dalla musicoterapia alla danzaterapia, dall’arteterapia plastico pittorica alla dramma teatro terapia, dall’espressione corporea al teatro applicato. Il risultato è un compendio di attività pratiche che rimandano ad altre ancora, in un circuito che si rinnova ed autoalimenta, in funzione della creatività e della capacità di adattamento dei fruitori anche ai contesti, per necessità di sintesi e per brevità, non previsti, utili per tutti i professionisti della relazione d’aiuto.


Introduzione all'opera

Lo sviluppo delle tematiche coinvolte nelle Arti Terapie ha contribuito ad individuare le linee guida dei processi pedagogici, formativi, rieducativi e riabilitativi, propri delle stesse, laddove lo studio viene affiancato all’individuazione dei percorsi caratterizzanti l’azione volta al “cambiamento” della persona.
In questo senso, il presente manuale, frutto delle attività di laboratorio creativo  degli autori,  vuole offrire agli operatori alcuni strumenti già utilizzati con successo nel corso di esperienze validamente condotte negli anni passati nel campo, per l’appunto, delle Arti Terapie, dalla musicoterapia alla danzaterapia, dall’arteterapia plastico pittorica alla dramma teatro terapia, dall’espressione corporea al teatro applicato. Il risultato è un compendio di attività pratiche che rimandano ad altre ancora, in un circuito che si rinnova ed autoalimenta, in funzione della creatività e della capacità di adattamento dei fruitori anche ai contesti, per necessità di sintesi e per brevità, non previsti, utili per tutti i professionisti della relazione d’aiuto.

Dai medici agli psicologi, dagli educatori di comunità agli insegnanti, dagli operatori del volontariato agli esperti dei processi creativi, dai formatori agli studenti e, per finire, dagli arte terapeuti ai tecnici della riabilitazione,  non esistono, infatti, limiti d’applicazione degli spunti offerti, alla luce del rinnovato, diffuso interesse per l’arte in tutte le sue forme, quale sostegno a tutto tondo per persone che manifestino necessità di crescita personale o bisogni di adattamento al mondo circostante.

Dunque, 70 Giochi per la conduzione dei gruppi è un manuale pratico, consigliato come parte applicativa del Manuale di Arti Terapie (Ebook Ed. Circolo Virtuoso, 2011, AA. VV., a cura di Stefano Centonze),  al fine di fornire strumenti applicativi, immediatamente spendibili.  A tal proposito, va aggiunto che la scelta dei contenuti nelle conduzioni dei gruppi nelle popolazioni speciali rappresenta l’elemento più importante nel raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Spesso, infatti, l’insuccesso di un’attività laboratoriale ha origine nell’inadeguatezza delle proposte operative che si traducono in demotivazione, conflittualità ed incapacità. Ecco perché gli esercizi proposti vogliono essere dei modelli di riferimento, delle matrici, per poter condurre efficacemente un gruppo verso la meta prefissata. Peraltro, al fine di ottimizzare l’uso degli esercizi proposti, nella loro applicazione, è bene tenere presente alcuni elementi.
Per prima cosa, precisiamo che tutti gli esercizi hanno in comune la dimensione della corporeità, quale elemento unificante l’esperienza didattica, e che l’applicazione in ambito pedagogico e clinico definisce l’obiettivo rieducativo dell’attività descritta. Laddove, infatti, gli obiettivi risultano gli stessi per tutti gli ambiti applicativi individuati, il conduttore vi legga un grado differente di profondità tra uso didattico, pedagogico e riabilitativo.  Ancora: l’età dei destinatari è riferita a soggetti normodotati, nella consapevolezza che eventuali minorazioni modificano tale informazione.

Il grado di difficoltà, inoltre, è riferito alle prime applicazioni dell’esercizio, poiché le fasi successive possono modificare tale parametro. Infine, si consiglia di gestire la durata degli esercizi anche in relazione al contesto applicativo ed al feed-back del gruppo.
Relativamente alla composizione di questo lavoro, diciamo che le attività da 1 a 20 sono tratte espressamente da laboratori di arti terapie (musicoterapia, danza terapia, teatro terapia e arteterapia plastico pittorica) di durata medio-lunga, a discrezione del conduttore, benché, in taluni casi, siano presentate nella loro forma abbreviata e semplificata; gli esercizi dal 21 al 40 sono finalizzati alla riscoperta della dimensione corporea, spesso dimenticata e vissuta solo nella sua fisicità; gli esercizi dal 41 al 50 sono incentrati sullo sviluppo delle capacità senso-percettive attraverso l’attivazione degli analizzatori visivo, tattile, uditivo, vestibolare e cinestesico. Gli esercizi dal 51 al 63 riguardano la percezione del sé corporeo e richiedono l’attenzione interiorizzata, l’isolamento da stimoli sonori ed un ambiente confortevole. Gli esercizi dal 64 al 70 sono più coreografici ed offrono spunti per l’attività teatrale.
Per concludere ed augurando un buon lavoro ai fruitori di questo lavoro, si ricorda che “le attività” proposte sono uno strumento nelle mani dell’operatore e, come tale, richiedono una propria “gestione” per trarre il meglio delle potenzialità, poiché alcune di esse, prima che diventino efficaci, richiedono più ripetizioni, allo scopo di affinarne la padronanza e sperimentarne le componenti emotive che costituiscono le variabili più significative.



Indice degli argomenti

Introduzione
Attività 1 – Raccontarsi
Attività 2 – Raccontarsi attraverso i suoni
Attività 3 – Disegno e racconto la mia infanzia
Attività 4 – Il risveglio del corpo
Attività 5 – La zattera
Attività 6 – L’autobus
Attività 7 – L’energia
Attività 8 – Il crocevia della mia vita
Attività 9 – La copertina del romanzo della mia vita
Attività 10 – Il bosco che vive
Attività 11 – La giusta distanza
Attività 12 – Passo a due
Attività 13 – Il corpo del gruppo
Attività 14 – Il respiro del gruppo
Attività 15 – La rinascita
Attività 16 – Che cosa c’è nella mia borsa?
Attività 17 – Il piccolo treno ritmico
Attività 18 – Il mercato
Attività 19 – La campagna elettorale
Attività 20 – Il colloquio d’assunzione
Attività 21 – Il metronomo
Attività 22 – Io mi chiamo
Attività 23 – Rappresentazione grafica dei contatti
Attività 24 – Sentirsi e rappresentarsi
Attività 25 – Esplorazione del proprio corpo
Attività 27 – L’equilibrio .... pag. 62
Attività 29 – La respirazione
Attività 30 – Il rilassamento
Attività 31 – Il semaforo
Attività 34 – Indovina cos’è?
Attività 35 – Gioco dei suoni
Attività 36 – Gioco dei bastoni
Attività 37 – Gioco dei palloncini
Attività 38 – Tiro cieco al bersaglio
Attività 39 – Lanci - ripresa
Attività 40 – Il canguro
Attività 41 – I contrasti
Attività 42 – Spinte basso - alto
Attività 43 – Rilassamento – respirazione 1
Attività 44 – Accentuazione degli appoggi al suolo
Attività 45 – Contatti al suolo
Attività 46 – Pesantezza dei segmenti corporei
Attività 47 – Minimo sforzo
Attività 48 – Gesti di conduzione
Attività 49 – Rilassamento - respirazione 2
Attività 50 – Indipendenza funzionale
Attività 51 – La respirazione
Attività 52 – La respirazione addominale
Attività 53 – La respirazione ritmata
Attività 54 – Gioco delle bambole
Attività 55 – Gioco di contatto
Attività 56 – Gioco dello specchio
Attività 57 – Gioco del mimo 1
Attività 58 – Gioco del mimo 2
Attività 59 – Gioco del mimo 3
Attività 60 – Gioco coreografico
Attività 61 – Maschere neutre 1
Attività 62 – Maschere neutre 2
Attività 63 – Gioco d’immaginazione
Attività 64 – Giochi d’energia
Attività 65 – Giochi d’astrazione 1
Attività 66 – Giochi d’astrazione 2
Attività 67 – Giochi d’astrazione 3
Attività 68 – Giochi con attrezzi - il sacco
Attività 69 – Giochi con attrezzi – il cilindro
Attività 70 – Giochi con attrezzi – il foulard


Note biografiche sugli autori

Stefano Centonze, scrittore, sceneggiatore, regista teatrale, è nato il 22 novembre del 1967 a Carmiano (LE), dove vive tuttora. Dopo gli studi classici si è specializzato in Musicoterapia e nello studio della comunicazione non verbale filtrata dal linguaggio del corpo e delle emozioni. Ha collaborato con diverse riviste nazionali, pubblicando lavori di ricerca tra cui Il suono dimenticato, Il personale senso del benessere e Il potere terapeutico della fiaba. In teatro, ha scritto e diretto Si vede la luna perfino da qui, L'equilibrista - riflessione semiseria su talune umane condizioni e La casa sulla roccia. Ha, inoltre, scritto romanzo, soggetto e sceneggiatura per un lungometraggio cinematografico di Ti conosco ch'eri ciliegia. Formatore, Direttore della Scuola di Formazione Professionale Circolo Virtuoso e dell'Istituto di Arti Terapie e Scienze Creative di Carmiano (LE), è impegnato nel sociale, sia come imprenditore che nel volontariato, ambito all'interno del quale ha fondato le testate giornalistiche telematiche "Arti Terapie e Neuroscienze On Line" e "Mappa Terzo Settore Web TV". Con le Edizioni Circolo Virtuoso ha pubblicato il Manuale di Arti Terapie, il Manuale di Progettazione Sociale e Marketing del non profit, Progettare un corso e-learning per le disabilità (questi ultimi due con Luisa Di Girolamo), Musicoterapia e Alzheimer e 70 giochi di creatività per la conduzione dei gruppi (con Fausto Cino).


Fausto Cino è nato a Carmiano (LE) nel 1957.
Docente presso l’Istituto di Arti Terapie e Scienze Creative di Lecce per l’insegnamento di Dramma Teatroterapia.
Docente presso l’Università degli studi Foggia, Facoltà di Medicina e Chirurgia, nel corso di laurea in  Scienze delle Attività Motorie e Sportive, per l’insegnamento di “Espressività  ed animazione”.
Responsabile del laboratorio teatrale “Il mercato dei sogni” dei Centri diurni di riabilitazione  psicosociale, DSM  AUSL/LE1.
Attore e regista teatrale.

INTRODUZIONE


Lo sviluppo delle tematiche coinvolte nelle Arti Terapie ha contribuito ad individuare le linee guida dei processi pedagogici, formativi, rieducativi e riabilitativi, propri delle stesse, laddove lo studio viene affiancato all’individuazione dei percorsi caratterizzanti l’azione volta al “cambiamento” della persona.

In questo senso, il presente manuale, frutto delle attività di laboratorio creativo degli autori, vuole offrire agli operatori alcuni strumenti già utilizzati con successo nel corso di esperienze validamente condotte negli anni passati nel campo, per l’appunto, delle Arti Terapie, dalla musicoterapia alla danzaterapia, dall’arteterapia plastico pittorica alla dramma teatro terapia, dall’espressione corporea al teatro applicato. Il risultato è un compendio di attività pratiche che rimandano ad altre ancora, in un circuito che si rinnova ed autoalimenta, in funzione della creatività e della capacità di adattamento dei fruitori anche ai contesti, per necessità di sintesi e per brevità, non previsti, utili per tutti i professionisti della relazione d’aiuto.

Dai medici agli psicologi, dagli educatori di comunità agli insegnanti, dagli operatori del volontariato agli esperti dei processi creativi, dai formatori agli studenti e, per finire, dagli arte terapeuti ai tecnici della riabilitazione, non esistono, infatti, limiti d’applicazione degli spunti offerti, alla luce del rinnovato, diffuso interesse per l’arte in tutte le sue forme, quale sostegno a tutto tondo per persone che manifestino necessità di crescita personale o bisogni di adattamento al mondo circostante.

Dunque, 70 Giochi per la conduzione dei gruppi è un manuale pratico, consigliato come parte applicativa del Manuale di Arti Terapie (Ebook Ed. Circolo Virtuoso, 2011, AA. VV., a cura di Stefano Centonze), al fine di fornire strumenti applicativi, immediatamente spendibili. A tal proposito, va aggiunto che la scelta dei contenuti nelle conduzioni dei gruppi nelle popolazioni speciali rappresenta l’elemento più importante nel raggiungimento degli obiettivi prefissati. Spesso, infatti, l’insuccesso di un’attività laboratoriale ha origine nell’inadeguatezza delle proposte operative che si traducono in demotivazione, conflittualità ed incapacità. Ecco perché gli esercizi proposti vogliono essere dei modelli di riferimento, delle matrici, per poter condurre efficacemente un gruppo verso la meta prefissata. Peraltro, al fine di ottimizzare l’uso degli esercizi proposti, nella loro applicazione, è bene tenere presente alcuni elementi.

Per prima cosa, precisiamo che tutti gli esercizi hanno in comune la dimensione della corporeità, quale elemento unificante l’esperienza didattica, e che l’applicazione in ambito pedagogico e clinico definisce l’obiettivo rieducativo dell’attività descritta. Laddove, infatti, gli obiettivi risultano gli stessi per tutti gli ambiti applicativi individuati, il conduttore vi legga un grado differente di profondità tra uso didattico, pedagogico e riabilitativo. Ancora: l’età dei destinatari è riferita a soggetti normodotati, nella consapevolezza che eventuali minorazioni modificano tale informazione. Il grado di difficoltà, inoltre, è riferito alle prime applicazioni dell’esercizio, poiché le fasi successive possono modificare tale parametro. Infine, si consiglia di gestire la durata degli esercizi anche in relazione al contesto applicativo ed al feed-back del gruppo.

Relativamente alla composizione di questo lavoro, diciamo che le attività da 1 a 20 sono tratte espressamente da laboratori di arti terapie (musicoterapia, danza terapia, teatro terapia e arteterapia plastico pittorica) di durata medio-lunga, a discrezione del conduttore, benché, in taluni casi, siano presentate nella loro forma abbreviata e semplificata; gli esercizi dal 21 al 40 sono finalizzati alla riscoperta della dimensione corporea, spesso dimenticata e vissuta solo nella sua fisicità; gli esercizi dal 41 al 50 sono incentrati sullo sviluppo delle capacità senso-percettive attraverso l’attivazione degli analizzatori visivo, tattile, uditivo, vestibolare e cinestesico. Gli esercizi dal 51 al 63 riguardano la percezione del sé corporeo e richiedono l’attenzione interiorizzata, l’isolamento da stimoli sonori ed un ambiente confortevole. Gli esercizi dal 64 al 70 sono più coreografici ed offrono spunti per l’attività teatrale.

Per concludere ed augurando un buon lavoro ai fruitori di questo lavoro, si ricorda che “le attività” proposte sono uno strumento nelle mani dell’operatore e, come tale, richiedono una propria “gestione” per trarre il meglio delle potenzialità, poiché alcune di esse, prima che diventino efficaci, richiedono più ripetizioni, allo scopo di affinarne la padronanza e sperimentarne le componenti emotive che costituiscono le variabili più significative.



Commenta su Facebook

Scrivi una recensione sul prodotto

Recensioni Clienti:

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
Autenticati per poter scrivere una recensione.

Ultimo Aggiornamento: martedì, 26 settembre 2017 18:03





Carrello Vuoto
Il carrello è vuoto.

Appuntamento

Seguici sui Social

Skype

Notizie

Catalogo

Scopri tutti i titoli pubblicati da Edizioni Circolo Virtuoso!In questa sezione potrai sfogliare il catalogo di Libri e E-book di Edizioni Circolo Virtuoso e scaricarlo in formato pdf ...

>> LEGGI TUTTO
PUBBLICA CON NOI

Pubblica con le Edizioni Circolo Virtuoso! Hai scritto un libro (narrativa, poesia, saggistica, ecc.) e vuoi pubblicarlo? Hai una grande competenza in qualcosa e vuoi trasformarla in testo scritto? ...

>> LEGGI TUTTO